GDPR IN 10 PUNTI: Sanzioni e considerazioni finali

Con questo post chiudiamo (per ora), il nostro vademecum sul GDPR in 10 Punti.

Ci sembrava doveroso però dedicare l’attenzione a come cambierà da oggi la vita delle aziende con l’arrivo di questa normativa.

 

Partiamo da un presupposto: sfatiamo il mito del Grace Period che ha fatto parlare in molti ultimamente.

Le sanzioni ci sono e sono in vigore da oggi, esse possono arrivare fino a 20 milioni di euro o addirittura il 4% del fatturato aziendale globale.

Ma c’è un dato importante da considerare: l’Italia, come anche altri paesi dell’Unione Europea è in ritardo nell’attuazione del decreto per l’adeguamento delle norme nazionali al GDPR.

Al momento il testo è in discussione presso il Consiglio dei Ministri (esercitando la delega del Parlamento).

Per via di una proroga che si esercita in automatico in questi casi, il nuovo Governo avrà tempo fino ad agosto per l’adeguamento.

Il Garante ha specificato che i controlli e le sanzioni partiranno in modo graduale, quindi non saranno attivi da subito controlli e super multe a tappeto, ma verrà valutato ogni singolo caso specifico e le motivazioni per le quali il decreto non è stato messo in atto per tempo.

Questo non vuol dire dormire sugli allori ma ognuno deve continuare a procedere affinché ogni azienda possa essere conforme alle regole sul Trattamento della Privacy.

Ci siamo affidati ad una fonte autorevole quale La Repubblica per darvi queste informazioni, qui l’articolo che potete consultare https://goo.gl/QQ1mmn

Con questo è tutto, speriamo di esservi stati utili e continueremo ad aggiornavi in merito ad altre novità legate al #GDPR, e non solo ovviamente!

Un saluto da EuroSpace S.r.l. 🙂

Se il post vi è stato utile condividetelo con i vostri amici e dateci il vostro Mi Piace, è importante per noi!

Questo elemento è stato inserito in GDPR e taggato .