Windows 7: dal 14 gennaio 2020 stop agli aggiornamenti

È ufficiale da parte di Microsoft la notizia che dal 14 Gennaio 2020 i sistemi su cui è installato Windows 7 non riceveranno più:

  • Supporto tecnico
  • Aggiornamenti software
  • Aggiornamenti sulla sicurezza

Se utilizzi Windows 7 avrai sicuramente ricevuto da parte di Microsoft la notifica che avvisa di questa interruzione, ciò non significa che il sistema operativo smetterà di funzionare, ma sarà più vulnerabile a problemi di stabilità dello stesso, a virus e ad altre minacce informatiche.
Di conseguenza la domanda è: Quando finirà il supporto di Windows 7 cosa succederà?
Andiamo a vedere le possibili soluzioni per poter ovviare alla fine degli aggiornamenti di uno dei sistemi operativi più diffusi negli ultimi 10 anni.

Fine supporto Windows 7: cosa fare da gennaio 2020

Microsoft consiglia di aggiornare alla versione di Windows 10, scegliendo quella più idonea fra Home e Professional, prima della scadenza del 14 gennaio 2020 onde evitare che l’assistenza e/o il supporto non siano più disponibili. (Vedi articolo ufficiale Microsoft);

Ecco 4 possibili soluzioni percorribili:

  • Acquistare un nuovo PC con installata la versione di Windows 10;
  • Effettuare un aggiornamento alla versione di Windows più recente;
  • Installare un sistema operativo alternativo a Windows, come Linux. Questa operazione presenta pro e contro ed è da valutare molto attentamente. Molti applicativi non sono compatibili e devono essere sostituiti da equivalenti;
  • Attivare il servizio di Aggiornamenti della sicurezza estesa (ESU) anche se dedicato principalmente alle aziende di grandi dimensioni. Sul sito ufficiale di Microsoft non sono ancora indicati i prezzi. Al momento possiamo segnalare solo i prezzi indicativi in dollari riportati su diversi siti e testate americane:

– Windows 7 Pro: 50$ per il primo anno, 100$ per il secondo e 200$  per il terzo, per ogni computer interessato

Windows 7 Enterprise: 25$ per il primo anno, 50$ per il secondo e 100$  per il terzo, per ogni computer interessato

Aggiornamento Windows 8.1

Un’altra opzione è quella di effettuare l’aggiornamento a Windows 8.1.
Un’analisi statistica di mercato riporta una percentuale di installazione molto più elevata di Windows 10 rispetto alla versione 8.1 (si parla del 52,38% contro il 3,48%) su un parco macchine che comprende PC, notebook e tablet. Questo dato è caratterizzato anche dal fatto che Windows 8.1 non è più commercializzato da Microsoft, garantendo esclusivamente il supporto fino a gennaio 2023.

È implicito che un aggiornamento a questa versione è decisamente sconsigliato.

(Fonte: netmarketshare.com)

È possibile installare Windows 7 dopo il 14 gennaio 2020?

Chiariamo un aspetto importante: Windows 7 può comunque essere installato e attivato dopo il 14 gennaio 2020 ma, come già detto all’inizio, non verranno più rilasciati aggiornamenti.
Anche il supporto per Internet Explorer terminerà alla stessa data, essendo questo un componente della famiglia Windows segue il ciclo di vita del sistema operativo installato.
Il consiglio da parte di EuroSpace, soprattutto per chi ha poca dimestichezza con software e hardware, è quello di rivolgersi a dei professionisti del settore, affidando a loro il compito di effettuare gli aggiornamenti necessari.
EuroSpace, quale rivenditore di prodotti Microsoft, supporta privati ed aziende, valutando attentamente caso per caso, al fine di effettuare nella modalità più opportuna l’aggiornamento del proprio sistema operativo.
Quindi NON esitare a contattarci al 02 2682.3928 per avere maggiori informazioni su Windows 10 e su tutti i prodotti che proponiamo.
Per scoprire tutti i servizi che la nostra azienda informatica offre, visita il sito di EuroSpace o seguici sui nostri canali social!

 

EuroSpace, professionisti al Tuo Fianco, addio Windows 7!

Leggi anche: